IL DISTRETTO RURALE

PROGRAMMA DI ANIMAZIONE TERRITORIALE PER LA COSTITUZIONE DI UN DISTRETTO RURALE.

Avvio del Distretto rurale

Un gruppo di amministratori locali, imprenditori, associazioni e cittadini del centro Sardegna intendono promuovere il riconoscimento di un distretto rurale di cui alla Legge Regionale n. 16 del 8 Agosto 2014 entro il territorio di proprio riferimento.

Si tratta di una vasta area che coinvolge i territori delle Baronie, del Nuorese della Barbagia e del Gennargentu, e parte del Marghine, ma suscettibile di ampliamento, accomunata dall’esigenza individuare modelli di sviluppo locali condivisi e coerenti con le vocazioni territoriali comuni.
Ciò in considerazione del fatto che i territori rappresentati sono caratterizzati da un’identità storica e territoriale omogena derivante dall’integrazione tra diversi saperi locali che ruotano attorno al tema della ruralità.
Numerose istituzioni e imprese locali hanno pertanto chiesto la disponibilità del Centro RESTART, istituito presso il Consorzio Universitario con compiti di ricerca, sviluppo, consulenza, formazione e sperimentazione nonché con lo scopo di effettuare studi, analisi e diagnosi dei territori, a supportare gli attori locali interessati nelle fasi attinenti alla verifica sulla fattibilità di un distretto ed eventualmente alla predisposizione del piano di Distretto anche attraverso il coinvolgimento delle Agenzie regionali di riferimento.
Le richieste sono giunte al Centro RESTART  dai territori di Aritzo, Belvì, Bitti, Bolotana, Desulo, Dualchi, Fonni, Gadoni, Galtelli, Irgoli, Loculi, Lula, Mamoiada, Nuoro, Oliena, Onifai, Orgosolo, Orosei, Orani, Orotelli, Orune, Ottana, Siniscola , Tonara e Torpè. Altri territori stanno richiedendo informazioni e manifestando interesse all’iniziativa.
E’ stata inoltre coinvolta l’Agenzia LAORE che ha prontamente messo a disposizione le proprie competenze e, assieme a UniNuoro, supportato il partenariato già nelle fasi di avvio.